ATS Brianza (ex ASL Lecco)  
TrovaCERCA 
  SEDI E ORARIPRESTAZIONIMEDICIFARMACIESTRUTTURERSA 
 mer 29 marzo 2017
Azienda
 » Presentazione
 » Direzione
 » Dipartimenti
 » Distretti
 » Presìdi
 » Codice etico
 » Documenti, studi, relazioni
Servizi ai cittadini
 » Animali - Canile online
 » Animali
 » Amministratore di sostegno
 » Assistenza Farmaceutica
 » Assistenza Protesica
 » Assistenza Sanitaria
 » Balneabilità
 » Bollettino Pollini
 » Conciliazione
 » Consultori familiari
 » Cure domiciliari
 » Dipendenze
 » Disabili e Valutazione Fragilità
 » FAQ
 » Farmaci
 » Formazione
 » Guardia medica
 » Il medico e il pediatra
 » Invalidità civile
 » Laboratorio di Prevenzione
 » Libera professione
 » Malattie infettive
 » Malattie rare
 » Medicina dello Sport
 » Rimborsi
 » Salute mentale
 » Screening oncologici
 » Sociale
 » Ticket
 » Terme
 » Trapianti
 » Trasporto sanitario
 » Vaccinazioni
Servizi alle aziende
 » Comitato Provinciale di Coordinamento Salute Sicurezza Ambienti di Lavoro
 » Allevamenti e zootecnia
 » Ambienti di vita e abitato
 » SCIA
 » Impiantistica
 » Laboratorio di Prevenzione
 » Sicurezza alimentare
 » Sicurezza luoghi di lavoro
 » Visite fiscali
 » FAQ
Risorse sul territorio
 » Prestazioni ASL
 » Sedi ASL e orari
 » Tempi d'attesa
 » Medici di famiglia
 » Farmacie e turni
 » RSA - Case di riposo
 » Strutture accreditate
Promozione della salute
 » Coord prov Promosal
 » Definizione
 » Alcol
 » Alimentazione corretta
 » Benessere animale
 » Benessere psicologico
 » Contrasto gioco azzardo
 » Contrasto al fumo
 » Formatori/decisori
 » Nuove dipendenze
 » Prev. cardiovascolare
 » Attività fisica
 » Stili di vita
 » Rete aziende WHP
 » Rete scuole SPS
 » Sicurezza domestica
 » Sicurezza stradale
 » Sostanze
 » Bacheca della salute
 » Gallerie fotografiche
 » Questionari stili di vita
Pubblicità legale
 » Albo aziendale
Carta dei Servizi
 » Carta dei servizi
 » Dip. Amministrativo
 » Dip. Fragilità
 » Dip. Programmazione Acquisto e Controllo
 » Dip. Cure Primarie
 » Dip. di Prevenzione Medica
 » Dip. di Prevenzione Veterinaria
 » Dip. Attività Socio Sanitarie Integrate - ASSI
 » Dip. delle Dipendenze
Contatti
 » URP - Uff. Relazioni Pubblico
 » Scrivi alla ASL
 » Ufficio pubblica tutela
 » Indirizzi posta elettronica
 » Questionario di comunicazione esterna
Ufficio stampa
 » Rilascio patrocinio
 » Comunicati stampa
 » Pubblicazioni
 » Gallerie fotografiche
 » Comunicazioni EE.LL.
 » Archivio documenti
 » Archivio eventi e news
Concorsi avvisi gare
 » Bandi, concorsi, incarichi
 » Albo fornitori
 » Modulistica
Area riservata
 » Dipendenti
 » Medici di Base e Pediatri
 » Portale PIU
« Indietro | Sei in: Servizi ai cittadini > Terme
Stampa

Terme

   

Centri di cura termali

Le cure termali, più precisamente dette cure idro-fango-termali, utilizzano come mezzo curativo le acque minerali o i loro derivati, fanghi, muffe, vapori, nebulizzazioni, che hanno una riconosciuta efficacia terapeutica per la salute nelle fasi di prevenzione, di terapia e di riabilitazione di alcune malattie.
La terapia termale non è alternativa, né sostitutiva al trattamento farmacologico, consente di migliorare la salute grazie a cure naturali a base di acque e fanghi terapeutici.
La cura con le acque minerali è detta anche crenoterapia, e può essere impiegata in associazione o integrazione con presidi farmacologici per il conseguimento di risultati terapeutici ottimali.
La terapia termale può conseguire risultati clinicamente evidenti già al termine del ciclo terapeutico anche se la sua azione più importante si realizza a distanza con la possibile riduzione del numero degli episodi di riacutizzazioni e della loro intensità e con un miglioramento della sintomatologia di fondo interepisodica.
Paradossalmente, nel corso delle cure e nel periodo immediatamente seguente si può assistere ad una riaccensione della sintomatologia alla quale non va attribuito significato in quanto esprime il processo di adattamento dell’organismo alla cura (crisi termale).
Le acque minerali sono suddivise in classi in base soprattutto alle caratteristiche chimiche e fisiche dominanti (concentrazione ionica, radioattività, temperatura, contenuto in solfuri, solfati, cloruri, bicarbonati etc.) e ad ogni classe vengono riconosciute azioni terapeutiche comuni.
L’autorizzazione ministeriale all’utilizzo terapeutico delle acque minerali non viene data alle classi di acqua ma alle singole sorgenti.
Le controindicazioni alle cure termali sono sempre alla metodica o al mezzo impiegato. Le controindicazioni possono essere relative: alla natura della patologia, alla fase della malattia, a patologie concomitanti. Ogni controindicazione deve inoltre essere esaminata in relazione alla metodica e al tipo di acqua utilizzati.
 

Come accedere alle Cure Termali

Ciascun assistito ha diritto ad usufruire, con oneri a carico del Servizio Sanitario Nazionale, di un solo ciclo di cure (12 sedute) nell'anno legale (1° gennaio-31 dicembre). L'anno è definito considerando il giorno d'inizio del ciclo di cura.

Nel caso della terapia inalatoria sono posti a carico del Servizio Sanitario Nazionale i costi relativi a due tipologie di cure  convenzionate (quindi 24 cure inalatorie ad es. : 12 inalazioni + 12 aerosol).

Eventuali cure aggiuntive sono a carico dell’assistito. A seguito di specifico accordo con l’INPS e l’INAIL, gli assistiti da questi due enti possono fruire di alcune cure aggiuntive e di trattamenti non previsti per gli altri assistiti.

Per fruire di cure termali è sufficiente farsi rilasciare la prescrizione su ricettario del Servizio Sanitario Nazionale da un medico di medicina generale, da un pediatra di libera scelta o da uno specialista in una delle branche attinenti alle patologie curabili e operante in una struttura dotata di ricettario regionale.

La validità della ricetta di prescrizione di cure termali è di 365 giorni.

Ticket

Per l’accesso alle cure termali è previsto il pagamento di un ticket fissato dalle disposizioni nazionali.
Nessun pagamento è dovuto da chi sia in possesso di specifica esenzione, mentre gli assistiti parzialmente esenti pagano una quota fissa per ricetta.
E’ il medico prescrittore (medico di medicina generale, pediatra di libera scelta o specialista in una delle branche attinenti alle patologie curabili) che, su richiesta dell’interessato, indica sulla ricetta di prescrizione il diritto all’esenzione totale o parziale.

Nessuna autocertificazione in merito all’esenzione può essere accettata dalle strutture erogatrici accreditate.
I codici di esenzione previsti dalla Regione Lombardia e validi per le terapie termali sono indicati in una specifica tabella tipologie e codici di esenzione.



 

DURATA
 

Una volta iniziata la cura il ciclo di terapia termale deve durare 12 giorni in un arco temporale massimo di 60 giorni, fatte salve eventuali sospensioni disposte dal medico termale.
Quando ne sussista l’indicazione, il ciclo di cura si può prolungare e/o ripetere nel corso del medesimo anno ma con oneri a carico dell’assistito.

 

QUANTE CURE IN UN ANNO


Il Servizio Sanitario Nazionale riconosce un solo specifico ciclo di cure termali (12 sedute) nell’anno legale (1° gennaio - 31 dicembre), definito considerando il giorno d’inizio del ciclo stesso.

Unica eccezione, riportata in una specifica tabella tipologie assistiti con diritto ad un secondo ciclo, viene fatta per le categorie protette (gli invalidi per servizio, gli invalidi civili, gli invalidi di guerra e assimilati) che nel corso dello stesso anno legale (1° gennaio - 31 dicembre) possono fruire di un ulteriore ciclo di cure correlato alla patologia invalidante.

Gli assistiti sono tenuti a dichiarare, sotto la propria responsabilità, che nell’anno legale in corso (1° gennaio - 31 dicembre) non hanno usufruito di altro specifico ciclo di cure termali connesse alla patologia con oneri a carico del SSN, oppure di appartenere alle categorie protette.



 

PERIODO

Di norma l’efficacia della terapia non è influenzata dal periodo dell’anno scelto per la terapia termale.
 

Indicazioni, Metodiche, Controindicazioni

Il Decreto Ministeriale 15 dicembre 1994 definisce quali sono le categorie diagnostiche per le quali è prevista l’erogazione delle cure termali con oneri a carico del S.S.N.
La Regione Lombardia con D.G.R. 17 luglio 1998 n. 37451 ha fornito un dettaglio delle denominazioni con le quali possono essere espresse le categorie diagnostiche indicate dal D.M.
Di conseguenza gli stabilimenti termali e le ASL possono ritenere valide le prescrizioni su ricettario regionale che riportano non solo le diagnosi espresse dal D.M. citato ma anche quelle indicate nella delibera regionale.
Si precisa che le denominazioni riportate dalla delibera regionale sono accettate solo dagli stabilimenti termali e dalle ASL lombarde, in quanto nelle altre Regioni possono esistere altri regolamenti.
Si ricorda che, comunque, sul territorio nazionale, vige il disposto del D.M. 15 dicembre 1994 e di conseguenza la prescrizione secondo le diciture delle patologie riportate dallo stesso è corretta ed accettata. 
 

Patologie che possono trovare reale beneficio dalle cure termali


Malattie reumatiche:
osteoartrosi ed altre forme degenerative;
reumatismi extra articolari.
 
Malattie delle vie respiratorie:
sindromi rinosinusitiche-bronchiali croniche;
bronchiti croniche semplici o accompagnate a componente ostruttiva (con esclusione dell'asma e dell'enfisema avanzato, complicato da insufficienza respiratoria grave o da cuore polmonare cronico).
 
Malattie dermatologiche:
psoriasi (esclusa la forma pustolosa, eritrodermica);
eczema e dermatite atopica (escluse le forme acute vescicolari ed essudative);
dermatite seborroica ricorrente.
 
Malattie ginecologiche:
sclerosi dolorosa del connettivo pelvico di natura cicatriziale e involutiva;
leucorrea persistente da vaginiti croniche aspecifiche o distrofiche.
 
Malattie O.R.L. (otorinolaringoiatriche):
rinopatia vasomotoria;
faringolaringiti croniche;
sinusiti croniche;
stenosi tubariche;
otiti carattali croniche;
otiti croniche purulente non colesteatomatose.
 
Malattie dell'apparato urinario:
calcolosi delle vie urinarie e sue recidive.
 
Malattie vascolari:
postumi di flebopatie di tipo cronico.
 
Malattie dell'apparato gastroenterico:
dispepsia di origine gastroenterica e biliare;
sindrome dell'intestino irritabile nella varieta' con stipsi.
 

documentidocumenti
     DocsTabelle Cure termali Docs   » Vai
© 2005-2017 Agenzia di tutela della salute (ATS) Brianza - Sede territ. di Lecco - Tutti i diritti riservati
Centralino: 0341 482.111 | email: info@asl.lecco.it - PEC: protocollo@pec.asl.lecco.it
Sede Legale: viale Elvezia 2 – 20900 Monza - C.F. e P.IVA 09314190969
 

Clicca per validare il codice XHTML Clicca per validare il foglio di stile CSS Icona di conformita' 'Livello A', WCAG 1.0